Sfilata di amichevoli e batoste

By novembre 20, 2011Diario del Capitano

Data astrale 2011.11.14

Tour de force in preparazione alle sfide ufficiali. Tre amichevoli in 6 giorni: questo è un bel ritmo.
Il resoconto? Curiosità da femminucce, quello che conta è stato il sudore lasciato sul campo.
Sì, lo so, è mio compito fare rapporto.

La prima amichevole, l’8 novembre, con Jrc Ispra si è conclusa con un vergognoso 12 o 13 a non so cosa.
Vorrei stendere un velo pietoso, ma le sconfitte, soprattutto se sonore possono portare grossi insegnamenti.
Cosa che è avvenuta: abbiamo imparato a perdere sonoramente!

Dopo aver sistemato meglio le linee di attacco e difesa, abbiamo avuto la nostra prima trasferta internazionale, dai cugini svizzeri.
Bella gente. Gli svizzeri.
Belle le partite giocate.
La prima contro una squadra di fanciulle. Batostate come meritavano!
UAW! UAW! UAW!
So che non è un atteggiamento da gentiluomini, ma, possiamo dire, che le abbiamo “batostate” con gentilezza.

La seconda partita svizzera è terminata con un pareggio.
Per forza, eravano stanchi, a causa della “gentilezza” della prima partita.

A parte queste rozze soddisfazioni, ci sono stati buoni segnali da tutta la squadra, che ha ritrovato il suo equilibrio, dopo la brutta esperienza di Ispra.
Ottimo!Star date 2011.11.14

Tour de Force in preparation for the official challenges. Three friendly matches in 6 days: this is a good rhythm.
The report? Sissy curiosity, what matters is the sweat left on the field.
Yes, I know, it’s my job to report!

The first friendly match, on 8 November, with JRC Ispra ended with a shameful 12 or 13 to something.
I would like to draw a veil, but the defeats, especially if disastrous, can bring big teachings.
Thing that happened: we have learned to lose soundly!

After setting up better lines of attack and defense, we had our first international match against Swiss cousins​​.
Beautiful people. Swiss people.
Fine games played.
The first against a team of girls. Setback as they deserved!
UAW! UAW! UAW!
I know that is not an attitude like gentlemen, but we can say that we “blow” with kindness.

The second Swiss game ended in a draw.
Of course, you were tired, because of the “kindness” of the first game.

Apart from these crude satisfactions, there were good signs from the whole team, which has regained its equilibrium, after the bad experience of Ispra.
Excellent!

Leave a Reply